GIUDIZIO CRITICO SULL’OPERA DEL PITTORE
LUIGI PETRACCHI
PRESENTATA A STANLEY-HONG KONG
IN OCCASIONE DELLA RASSEGNA ITALIANA DEI MAESTRI DEL DISEGNO E DEL COLORE
Testo originale del Critico d’arte Mr.CHEANG NAM TING (traduzione)
Giocando con le suggestioni di fantastiche atmosfere Luigi PETRACCHI ci presenta le sue composizioni nelle quali il tema epico è sempre presente. Cavalieri attraversano lo spazio verso punti di luce brillante, come se fossero conquistatori di esso,navigatori nell’immensità dell’universo,cavalieri che lottano in terribili e sofferte battaglie,combattute non in terra ma nello spazio cosmico. Ogni cosa da la sensazione che loro siano come fluttuanti nello spazio. Tutto nel lavoro di PETRACCHI è movimento e noi ci rendiamo conto che egli arriva a farci sentire le sue più intime sensazioni in cui ogni cosa è movimento. Ed egli fa questo grazie alla padronanza con la quale crea ed alla speciale tecnica che usa per ottenere il suo proposito. Egli usa preferibilmente tempere ad olio in nero e bianco e li mette sulla tela con colpi di grande respiro,in questo modo il suo lavoro da la sensazione dell’irreale e di tutta la sua forza drammatica. Anche se i soggetti delle sue composizioni appartengono alla vita reale,li usa per creare mondi fantastici dove l’essere umano o anche il cavallo o il giovane o persino il vecchio non fanno parte della vita reale ma appartengono tutti al regno della fantasia;oppure se vogliamo sono fatti per mandarci un messaggio epico e intellettuale. “IL MURO”;”IL MESSAGGERO” sono esempi di quello che abbiamo detto. Un artista veramente originale che esce dal modo semplice di fare arte entrando in un mondo di significati nel quale intende trasferite i suoi pensieri le sue paure e forse il suo modo poetico di vedere la vita. Usando questi segni emblematici nei quali pone tutto lo spirito di un vero artista in possesso di una fervente e vera mente creativa. Molto qualificato a fornire all’osservatore materiale su cui pensare. Un artista, Luigi PETRACCHI scelto bene per rappresentare l’arte contemporanea italiana in questa interessante esposizione. Molto interessante il suo lavoro,che offre all’osservatore una grande quantità di temi in modo che chiunque può costruire le proprie idee e rappresentazioni.
Indietro